domenica 31 ottobre 2010

Roberto Benigni Canta "L'italia & Berlusconi"

sabato 23 ottobre 2010

Chewingum

Dopo la seconda guerra mondiale si incontrano un americano, un inglese ed un italiano.
L`americano si vanta di aver collaborato alla liberazione dell`Italia dal nazifascismo e mette in evidenza che l`Italia era molto povera e che lui, comunque, ci guadagnava: "Io andavo in America, facevo il giro delle macellerie e raccoglievo gli scarti per farne scatolete da vendere agli italiani". E giù una risata.
L`inglese: "Anch`io mi arrangiavo andavo in Inghilterra, facevo il giro dei pub e dei locali pubblici raccogliendo mozziconi di sigarette e vendevo il tabacco ricavato agli italiani". E giù un`altra risata.
L`americano e l`inglese ridendo a crepapelle chiedono all`italiano cosa facesse lui. E l`italiano racconta: "Io facevo il giro delle case di tolleranza, raccoglievo i preversativi usati e ne facevo chevingum che vendevo agli americani ed agli inglesi".


Fonte

Carabinieri

Una mattina un generale dei carabinieri trovandosi dal Presidente della Repubblica, si lamenta del fatto che l`Arma dei Carabinieri è la più soggetta al pubblico ludibrio per via delle numerose barzellette che circolano.
Il Presidente allora ribatte dicendo che in parte è vero e per provarglielo chiama il giovane carabiniere di guardia in fondo al corridoio e gli ordina:
"Vai a casa a vedere se ci sono e torna qui a riferire".
Il carabiniere scatta sull`attenti e parte di corsa. Dopo un po` torna dal Presidente con la lingua di fuori per la gran corsa e scattando sull`attenti dice:
"No, signor Presidente, lei in casa non c`e`".
A questo punto il Presidente congeda il carabiniere e si rivolge al generale dicendo:
"Vede, come si fa a pretendere il rispetto quando si fanno di queste figure".
Il Generale punto in pieno sull`orgoglio ribatte:
"Sì, ha ragione, ma quello è ancora giovane: non ha pensato che poteva telefonare!"


Fonte

giovedì 21 ottobre 2010

venerdì 8 ottobre 2010

Aldo, Giovanni e Giacomo


Si

Cresce davvero
La prima volta
Che si ride
Di se stessi.

Ethel Barrymore

Lettori fissi

Archivio blog