domenica 19 febbraio 2012

Sanremo, Geppi Cucciari scalza sul palco. Celentano? Nessuno lo capisce

SANREMO - «Ho capito che per rimanere impressa in questo festival devi scendere senza qualcosa: io ho scelto le scarpe»: così Geppi Cucciari ha cominciato il suo intervento all'Ariston nella serata finale del festival di Sanremo. Arrivata sul palco con le scarpe in mano, Morandi si è poi inchinato per infilargliele.

L'ironia. «Ti spiace se non dico parolacce? - gli ha chiesto - So che ti metterò un po' in imbarazzo se non le dico.». E poi: «Sono onorata e ammirata di essere qui. Quest'uomo - ha detto riferendosi a Morandi - ha resistito a tutto, alle polemiche, alle telepromozioni. Saluto il direttore di Rai1 Mazza, il direttore artistico Mazzi e quello che vi ha fatto il Vaticano questa settimana, il mazzo». Poi ha messo in mezzo il ministro Fornero, che «mi ha detto che tu, Gianni, non sei pronto per il pensionamento, ti tocca anche l'anno prossimo». Poi, tra le risate, ha fatto entrare degli enormi scatoloni contenenti solo «le postille del contratto di Celentano». Tra queste una relativa al monologo, «prima nessuno deve capire cosa dirò, dopo nessuno deve capire cosa ho detto».

Continua qui (video)

Nessun commento:

Aldo, Giovanni e Giacomo


Si

Cresce davvero
La prima volta
Che si ride
Di se stessi.

Ethel Barrymore

Lettori fissi

Archivio blog