Benigni riparte da Silvio "È tornato: Signore, pietà"

Su RaiUno "La più bella del mondo", dedicato ai princìpi fondamentali della Costituzione. Prima, monologo sull'attualità: "Berlusconi s'è ripresentato per la sesta volta. Ha detto che la settima si riposa.". L'appello all'impegno e alla politica: "L'indifferenza e il non voto sono i nemici, se ti tiri fuori dai il potere alla folla, che sceglie sempre Barabba" di ALESSANDRA VITALI

 

ROMA - Neanche cinque minuti e già pronuncia la parola "Silvio". Benigni entra in scena come d'abitudine sulle note di Il partito del pinzimonio, la marcetta di Nicola Piovani, gioca con i ringraziamenti, il pubblico, la Rai, Napolitano "che ha telefonato al Papa che mi ha detto di ringraziare nostro Signore, e invece pure lui mi ha detto che dovevo ringraziare qualcuno di più importante: grazie, Silvio". L'avevamo lasciato un anno fa con Berlusconi - nello show di Fiorello #ilpiùgrandespettacolo, quando definì quelle dell'allora premier "le più belle dimissioni degli ultimi 150 anni" - e da Berlusconi riparte. "Due brutte notizie in questo mese, una è la fine del mondo, l'altra è terrificante: s'è ripresentato, è la sesta volta. Ma ha detto che la settima si riposa. È come i sequel dei film dell'orrore, lo Squalo 6, la Mummia, Godzilla contro Bersani...". Poi arriva al cuore della storia: "I nemici della Costituzione sono l'indifferenza alla politica che è amore per la vita, e il non voto. Non ti tirare fuori, se ti tiri fuori è terribile, dai il potere alla folla che sceglie sempre Barabba".

FOTORACCONTO 

 

Continua qui (video)

Commenti

Post popolari in questo blog

Case in vendita: i peggiori annunci delle agenzie immobiliari

Parole scrociate